Dubbi

 

L’idea di fare un intervento agli occhi crea in molte persone notevoli timori e perplessità, infatti, il sogno di non esser più schiavi di occhiali o lenti a contatto si scontra con il timore di perdere la vista parzialmente o addirittura completamente.
Generalmente, oltre a sentire il parere dell’oculista o dell’ottico di fiducia, si chiedono notizie a persone che hanno già effettuato l’intervento rivolgendosi principalmente alla cerchia delle amicizie e delle conoscenze, e spesso si cercano informazioni attraverso i media (giornali, riviste, internet).
Purtroppo in nessun’altra branca oculistica come la chirurgia refrattiva esistono opinioni, esperienze e risultati così differenti e discordanti.
Spesso sono gli stessi oculisti a contribuire a tanta disinformazione attorno a questa materia. Se avete chiesto informazioni vi sarà forse capitato un'oculista  che  vi  consiglia  di 
fare l'intervento mentre un altro lo sconsiglia, per non parlare del tipo di tecnica chirurgica utilizzata: alcuni ne demonizzano alcune che altri invece esaltano.
Si sono così create delle vere e proprie “leggende metropolitane” con cui spesso mi devo confrontare durante le visite ai pazienti che si vogliono sottoporre a questo tipo di intervento.
In mezzo a tutta questa disinformazione il paziente, invece di trovare delle rassicurazioni, si trova sempre più confuso; spesso non sa a chi credere e se decide ugualmente di operarsi ha comunque dubbi e timori.

 

 

Oggi sono fermamente convinto che la chirurgia refrattiva con laser ad eccimeri si può ritenere una chirurgia sicura, a patto che vengano seguiti alcuni requisiti fondamentali.

 

Questa mia convinzione si basa sulla mia attività di oculista che ha avuto la possibilità di poter vedere, trattare, seguire e controllare centinaia di pazienti ed è stata rafforzata dalla mia esperienza personale di paziente che si è sottoposto ad intervento più di dieci anni fà (1999).

 

Purtroppo quasi sempre i pazienti non hanno la mia stessa fortuna, per questo motivo ho deciso di scrivere alcune delle condizioni che ritengo fondamentali per la ottimale riuscita dell'intervento, a cui mi attengo scrupolosamente durante la mia attività chirurgica.
Spero che quanto dirò potrà aiutare a capire e magari ad affrontare questo passo  con maggiore tranquillità e sicurezza. Se avete ulteriori dubbi potete leggere la sezione relativa alle domande più frequenti oppure contattarmi direttamente.